HOME diario escursioni  escursione

 

Gita del 24 ottobre 2008 – CHIESA DI PONTITO - PENNA DI LUCCHIO

(con sfrugiatata di fine anno)

Ritrovo alle ore 8:00 davanti al vecchio mercato dei fiori di Pescia. Condizioni meteo perfette. Quindici sono i partecipanti compreso un coppia di giovani del CAI di Firenze. Si inizia con il trasferimento in auto fino alla chiesetta sopra il paese di Pontito. Lasciate le macchine, ci incamminiamo e poco dopo ci fermiamo in una selva sul lato sinistro della sterrata per la raccolta delle castagne, che serviranno per la sfrugiatata.

Le Pracchie

 Si prosegue passando per il bivio di Croce a Veglia, in assenza di vento, sotto uno splendido sole e temperatura mite: una splendida giornata autunnale. Salendo si costeggia il monte Granaio dove si giunge dopo poco località le Pracchie, a quota di 1000 metri sul livello del mare. Si ridiscende per un percorso tortuoso in mezzo al bosco di castagni fino per raggiungere località Calcinaia ai piedi della Penna di Lucchio. Questa è così chiamata per le attività che una volta vi veniva svolta. La cottura in appositi forni (di cui scorgono i ruderi) della pietra da calce e da cui poi con il grassello si confezionava la calce aerea (oggi non più di uso comune), impiegata nell’edilizia.

Penna di Lucchio

Si inizia la salita della Penna, direi quasi un’arrampicata tra le roccette, vista la forte pendenza. Il percorso è piuttosto impegnativo ma assai divertente con scorci panoramici da tre lati: la valle della Lima a destra, Le Pracchie alle spalle e Col Fiorito a sinistra. Raggiunta la vetta (quota 1100 metri s.l.m.) ci troviamo di fronte il paese di Lucchio: curioso per la sua posizione che appare quasi attaccato alla vetta. Più a destra si scorge il gruppo di vecchie case della località Zato, proprio sotto la Penna. Con circospezione, visto che il terreno erboso è ancora umido e piuttosto scivoloso, si inizia la discesa fino al bivio per il Memoriante. Noi si svolta a sinistra per ritornare alla località di Calcinaia e per risalire poi alle Pracchie e ridiscendere a Croce a Veglia dove si arriva alle ore 12:45 ora giusta per la sosta del pranzo. Nel frattempo, in quanto partito più tardi, si ricongiunge anche il socio Fazio Pergola  con la moglie per pranzare insieme al gruppo. Eccezionalmente viene acceso il fuoco per cuocere le frugiate che alla fine del pranzo verranno offerte insieme a qualche bicchiere di vino a tutti i presenti. Alle ore 15.15 circa, terminata la riunione conviviale il gruppo riparte per ritornare ciascuno alle auto.