HOME informazioni tecniche mm calzature
 
Per andare in montagna è necessario usare scarponi specifici, evitare assolutamente altri tipi di calzature, questo per ridurre i rischi di infortuni. La scarpa è l’elemento più importante di tutta l’attrezzatura.

In commercio si trovano principalmente due tipi di scarponi, bassi come questi.

   

Oppure alti come questi, di gran lunga, quelli più utilizzati dagli escursionisti.

 

La scelta dovrà quindi essere fatta in base alla caratteristica principale delle calzature da montagna che è quella ridurre al minimo i rischi di scivolata o caduta e di proteggere il piede dalle sollecitazioni che il terreno montano, sempre diverso ed irregolare, può provocare al piede, naturalmente deve anche proteggere la caviglie da storte od altro; durante una gita in montagna le parti maggiormente sollecitate sono le caviglie e le dita dei piedi, soprattutto in discesa. Lo scarpone dovrà avere una suola scolpita con profonde scanalature ed una suola in gomma piuttosto rigida, la tomaia deve essere imbottita principalmente all’altezza della caviglia. Conseguentemente risultano molto più sicuri quelli più alti, anche se più pesi da portare. Va tenuto presente che lo scarpone deve essere comodo, altrimenti dopo varie ore di cammino il piede potrebbe soffrire e si potrebbero presentare le famose “gallozze” che rendono molto doloroso il cammino. Per l’acquisto degli scarponi è consigliabile rivolgersi a negozi specializzati che possono illustrare al meglio, lo scarpone adatto alle proprie esigenze. Va tenuto presente, che lo scarpone, normalmente, deve essere almeno di una misura superiore a quella delle calzature normalmente indossate. Ad esempio chi porta il n° 43 di scarpe dovrà acquistare uno scarpone almeno del n° 44. Al momento dell’acquisto lo scarpone dovrà essere provato accuratamente e con le calze grosse da escursione, se poi fosse possibile provarli nel pomeriggio, con i piedi già stanchi sarebbe meglio.

Insieme agli scarponi, sempre più escursionisti, acquistano dei bastoncini telescopici, che durante l’escursione possono, mantenere l’equilibrio e scaricare i pesi che gravano sulle articolazioni, in particolare i ginocchi. Per contro, va tenuto presente che molti escursionisti e vari professionisti della montagna ritengono i bastoncini uno strumento inutile ed intralciante. A nostro avviso, in presenza di problemi articolari, i bastoncini telescopi sono assolutamente necessari. I bastoncini telescopici sono molto più pratici di quelli fissi, in quanto si possono ripiegare e quindi sono più facili da trasportare, quando non si utilizzano. Chiaramente devono essere acquistati ed utilizzati in coppia.

Esempio di bastoncino telescopico.